mercoledì 12 maggio 2010

Sole e Nuvole: Stassi e Di Gregorio


Nuova rubrica. Il blog Il Sole e Le Nuvole visto dagli occhi degli amici artisti. Non poteva che essere Claudio Stassi ad inaugurarla. Claudio, giovane disegnatore ed autore di comics palermitano, vive e lavora dallo scorso anno a Barcellona. Sta lavorando a molteplici progetti (forse un giorno ce ne parlerà). E' tra i migliori disegnatori della scena italiana e sicuramente sta lavorando per farsi valere in Europa. Il suo disegno-omaggio "illustra" il testo di un altro carissimo amico, Giovanni Di Gregorio, per gli amici Ghirigoro. Anche lui in pianta stabile nella città catalana da oltre tre anni ormai. Lo conobbi molti anni fa in occasione della mia incursione all'Opera Universitaria di Palermo per un corso-laboratorio di fumetti. Fu in quella occasione, irripetibile, che nacque La scuola del fumetto palermitano... Da quel momento Giovanni è diventato un astro in continua ascesa. In sintesi: oggi è tra i principali sceneggiatori della Bonelli e le sue storie per Dylan Dog sono, senza tema di smentita, tra le migliori fin ad oggi scritte. Claudio e Giovanni sono gli autori di "Brancaccio", graphic novel edita da Beccogiallo, pluripremiata, tradotta e pubblicata in Francia e Spagna. Gracias con muy affetto ad entrambi!

6 commenti:

  1. Molto bello il disegno e il testo.Seguo da un po' il blog di Stassi di cui mi piace il tratto grafico,credo di essere arrivato al tuo blog tramite il suo.

    RispondiElimina
  2. E se Claudio non avesse insistito io non avrei il blog...

    RispondiElimina
  3. Meno male che ha insistito...

    RispondiElimina
  4. Bella questa interpretazione della nave di Gianni in "Nero su bianco" e con S.Rosalia che ci protegge...

    RispondiElimina
  5. Anche i pirati che parlano in siciliano non sono affatto male... del resto, Pratt faceva parlare i polinesiani in veneziano: nei sette mari (otto con il web) tutto è possibile.
    Continuate così, ragazzi.

    RispondiElimina
  6. Bravo Yorick: la citazione del Maestro Pratt (il più grande di tutti) rende più prezioso l'omaggio dei due "barcellonesi" a questa modesta navicella che vaga libera e selvaggia.

    RispondiElimina