mercoledì 19 maggio 2010

La città sgrammaticata - Forma sine substantia


Foto e testo di
Gigliola Siragusa
da Palermo

Forma e sostanza. C'è chi privilegia la forma, chi la sostanza, chi afferma che la forma non è solo il contenitore ma anche il contenuto. Ma se la forma non è riempita dalla sostanza rimane inerme. Palermo è spesso una forma in cui la sostanza latita.
Anzi, a Palermo ci sono forme con sostanze costituite da essenze fini solo a sè stesse.
Questi panni appesi li paragono all'impasse che caratterizza la nostra classe politica che poco destina, in pensieri e denaro, ai beni artistici ed ambientali della nostra città.

4 commenti:

  1. Bella, Gigliola. Sembra una resa, o un'invasione, o entrambe.

    RispondiElimina
  2. Antonio Carollo19 maggio 2010 19:03

    Sono forme che tendono a volare verso il cielo, ma sono impalate e il cielo non è azzurro.

    RispondiElimina
  3. Concordo con Yorick: questi maglioni stesi così, a braccia aperte, mi sembrano delle persone che mostrano segno di resa... anche questa un'immagine dell'attualità di palermo e della rassegnazione dei palermitani?

    RispondiElimina
  4. Dimenticando per un attimo Palermo,l'immagine mi sembra la felice trasposizione fra la facciata della rispettabilità borghese e la realtà, ne brutta ne bella, il cielo e le nuvole che si inseguono, pur essendo una piccola parte della foto, uno scorcio sul mondo, il richiamo a quel che resta.

    RispondiElimina