domenica 11 aprile 2010

Prigioniero

8 commenti:

  1. Un soldato deve ubbidire sempre agli ordini. Pure se non li capisce, pure se li capisce e non è d'accordo. Un soldato non è pagato per pensare ma per compiere la volontà del suo comandante, del Condottiero e di Dio. Non penso nulla mentre il mio compagno Karl, forse per la decima volta negliCondottiero e lo ultimi tre giorni, punta il fucile contro un ragazzino. Lo vuole il comandante, lo vuole il vuole Dio. Il ragazzino deve raggiungere gli altri al campo, deve lavorare per liberarsi e se non rispetta le regole deve morire. Non penso nulla mentre punto anch'io il fucile. Non riesco a pensare mentre il mio fucile urla uno sparo. Karl, lieve, cade.

    RispondiElimina
  2. Un soldato deve ubbidire sempre agli ordini. Pure se non li capisce, pure se li capisce e non è d'accordo. Un soldato non è pagato per pensare ma per compiere la volontà del suo comandante, del Condottiero e di Dio. Non penso nulla mentre il mio compagno Karl, forse per la decima volta negli ultimi tre giorni, punta il fucile contro un ragazzino. Lo vuole il comandante, lo vuole il vuole Dio. Il ragazzino deve raggiungere gli altri al campo, deve lavorare per liberarsi e se non rispetta le regole deve morire. Non penso nulla mentre punto anch'io il fucile. Non riesco a pensare mentre il mio fucile urla uno sparo. Karl, lieve, cade.

    RispondiElimina
  3. Avevo fatto qualche disastro nel primo post...

    RispondiElimina
  4. E anche nel secondo! Manca un Condottiero, ma ce ne faremo una ragione!

    RispondiElimina
  5. Antonio Carollo12 aprile 2010 13:48

    Tutto vero. Guardando bene ho notato una cosa che mi ha colpito: sul petto il soldato indossa una targhetta con la scritta: "L'amore vince sempre sull'odio".

    RispondiElimina
  6. Yorick, si sente nelle tue parole tutto il gelo: quella della canna del fucile e quello delal paura del ragazzino. Bravissimo.

    RispondiElimina
  7. Grazie SoleNuvole! Il quadro mi ha colpito subito, ma non riuscivo a trovare le parole giuste. Forse oggi, giorno della memoria, era il momento più adatto per parlare di soldati, ragazzi e vittime, uomini che riescono a dire di no.

    RispondiElimina
  8. Vorrei ripubblicarlo senza strafalcioni, lo incollo qui sotto:

    Un soldato deve ubbidire sempre agli ordini. Pure se non li capisce, pure se li capisce e non è d'accordo. Un soldato non è pagato per pensare ma per compiere la volontà del suo comandante, del Condottiero e di Dio. Non penso nulla mentre il mio compagno Karl, forse per la decima volta negli ultimi tre giorni, punta il fucile contro un ragazzino. Lo vuole il comandante, lo vuole il Condottiero, lo vuole Dio. Il ragazzino deve raggiungere gli altri al campo, deve lavorare per liberarsi e se non rispetta le regole deve morire. Non penso nulla mentre punto anch'io il fucile. Non riesco a pensare mentre il mio fucile urla uno sparo. Karl, lieve, cade.

    RispondiElimina