domenica 6 giugno 2010

Giochi: E invece lui?


Troppo bravi per non capire chi è il tipo della foto. O mi sbaglio?

10 commenti:

  1. Il sciur padrun! Non ha le braghe bianche ma l'indice d'ordinanza non mente mai!

    RispondiElimina
  2. Il giovane Silvio? Quando ancora portava gli occhiali, aveva pochi capelli e le orecchie a sventola?

    RispondiElimina
  3. E' Prodi! Certo, se quello vero avesse avuto la grinta di questo....

    RispondiElimina
  4. Va bene ,questo chiamiamolo Antonio, per cui, provvisoriamente i tre personaggi sarebbero Antonio Sonia e il primo, visto che Totò non va bene, peccato mi piaceva, chiamiamolo Bruno. Una storia potrebbe cominciare così:
    “Quella mattina Antonio si svegliò di umore nero, nonostante la giornata fosse bella, il cielo terso, lui vedeva tutto grigio piombo, e sapeva che il suo umore non era oggettivamente giustificato, ma una notte in bianco gli faceva quell’effetto, inoltre Bruno innamorato, pur essendo ridicolo, non lo faceva ridere per niente, non era potuto venire a lavorare perché Sonia lo aveva reclutato per tappezzare la città di foto di Carletto, con sotto scritto Smarrito grossa ricompensa a chi lo riporta a….. ecc. Naturalmente essendoci di mezzo la grossa ricompensa l’indirizzo era quello di Bruno, si può essere più cretini?
    Carletto era il cocker di Sonia e non era affatto un cane simpatico, per Antonio poi aveva un’antipatia ricambiata; da due giorni era scomparso, lui si sarebbe preoccupato dei danni che poteva fare piuttosto che di riaverlo. Carletto aveva l’abitudine, quando riusciva a sgusciare fuori senza controllo di girarsi il reparto salumi di tutti i supermercati del quartiere tanto che ormai i pizzicagnoli lo conoscevano e siccome conoscevano anche la padrona se erano maschi lo riportavano a casa con le stesse speranze che Carletto aveva per le cagnette, ma gli andava male perché Sonia più che ringraziare non faceva, le pizzicagnole invece gli assestavano qualche colpo di scopa e lo mandavano via. Carletto ormai aveva capito che era meglio rivolgersi agli uomini.”

    RispondiElimina
  5. Bello l'intreccio di Salvatore che ama inventarsi percorsi fantastici tutti suoi. Ma il solo nome giusto è quello di Sonia...
    Bentornato Paolo.
    Fara e Paolo, capisco la par condicio, ma avete esagerato!
    Yorick, ti sei avvicinato molto, ma puoi fare di meglio.

    RispondiElimina
  6. La versione aggressiva di Luca Giurato: con il modello base condivide l'attaccatura dei capelli e il colore degli occhiali. Il Giurato versione 2.0 pensa di sapere tutto, di poter ordinare il mondo e di poter dare ordini a tutto il mondo. Chi non accetta la sua supremazia se la passa male, almeno secondo il suo punto di vista. La sua frase preferita? "Faccia come crede. L'avevo avvertita".

    RispondiElimina
  7. Ho capito, come al solito non ho preso il filo giusto, però anche così, magari solo per esercitare la mano, Carletto me lo potresti disegnare, potresti scoprire che è trasgressivo egoista e infingardo.

    RispondiElimina
  8. Infingardo non lo sentivo da un pezzo.

    RispondiElimina
  9. Se guardi bene un cocker vedrai che ha proprio quell'aria lì, un po' "obsoleta" per spararne un'altra.

    RispondiElimina