martedì 20 luglio 2010

Prima necessità

25 commenti:

  1. E' bella, Gianni.E anche attuale.L'acqua è un bene comune,finchè c'è,finchè non chiudono i rubinetti,finchè come 'oro blu' non viene privatizzata.
    Prima necessità...senza acqua non c'è vita.

    RispondiElimina
  2. Gtrazie, spero sia un piccolo refrigerio.

    RispondiElimina
  3. ti ho commentato su FB, e l'ho condivisa con supplemento di commento

    RispondiElimina
  4. Più che refrigerio: l'acqua si può abbracciare, come fai vedere tu. E' il terzo corpo di questo quadro.

    RispondiElimina
  5. Grazie Fara. Svelato che sono su FB! Ora ci sarà una levata di scudi o una lavata di capo? Io vado a docciarmi per la seconda volta e la testolina non sarà esente dalle abluzioni, oggi è messa male: umidità parossistica.

    RispondiElimina
  6. Abbracciare l'acqua: bellissimo, Yorick! Vado e mi avvinghio.

    RispondiElimina
  7. la lancetta dell'umidità (sono diventato maniaco di igrometri, termometri, manometri e affini) sta salendo anche a Partanna: stamattina sfiora i 70, gli altri giorni era sotto i 40. Mi sa che vado ad abbracciare l'acqua anch'io, prima che l'acqua abbracci me.

    RispondiElimina
  8. Acqua siamo e acqua torneremo, altro che polvere!

    RispondiElimina
  9. L'umido non dà pace nemmeno qui!Perciò convertito a FB??? Allora appartengo ad una minoranza!Crea una sezione volti-amici non facebucati che ti mando una mia fototessera...

    RispondiElimina
  10. Ma FB non è frutto dei tropici. Scelta meditata (e respinta) a lungo. Poi è accaduto: botta di caldo?

    RispondiElimina
  11. No, botta di saggezza..io mi godo ancora questo anonimato...

    RispondiElimina
  12. Mi permetto di intervenire Mari, perché pensi di perdere l'anonimato andando in FB?
    In FB nessuno ti costringe a mettere il tuo nome (vero) e il tuo cognome (vero). Io, fara, anonima ero ed anonima sono rimasta , non sono persona pubblica.
    Se Gianni Allegra, alias Sole Nuvole, voleva mantenere il suo anonimato bastava iscriversi come Gianni Icsperics. Magari lo avrebbero riconosciuti in molti perché le sue vignette, il suo stile, la sua pittura non sono anonime.
    Tu, Mari, cosa temi, che ti riconoscano? A meno che tu non sia un personaggio pubblico, come Gianni, nessuno ti riconosce. E poi Mari, ricorda che noi diventiamo riconoscibili alla nascita nel momento in cui ci appioppano il codice fiscale. Un numero ed una barra...

    RispondiElimina
  13. Ha ragione Fara, a volte vengo colta da snobismi e ritrosie inconsistenti, ma sai all'epoca si parlò di Fb come uno strumento che poteva tendenzialmente saccheggiare i nostri dati privati, internet è un mare aperto, e cosi ho sempre desistito,a ciò si aggiunge il fatto che conosco parecchie persone che pur abitando a pochi metri di distanza comunicano via pc..; non sapevo che si può accedere anche con nick diversi ma non avrebbe senso: se è uno strumento per comunicare a che vale?Condivido la scelta di Gianni xché è un ulteriore strumento per far conoscere le sue opere e quel che fa, anche se spero non abbandoni questo spazio un po' intimista, ..insomma se mi decido.. richiederò la tua amicizia :) nella speranza che tu voglia concedermela..
    ps: siamo tutti personaggi pubblici, a volte lo dimentichiamo e deleghiamo ad altri fin troppo.

    RispondiElimina
  14. Mari , pochi sono personaggi pubblici nel senso di conosciuti perché eccellenti in qualche "materia" gli altri sono soltanto nomi anonimi di elenchi infiniti degli album di polizia, carabinieri, guardia di finanza , ecc.
    Se ti punge vaghezza puoi tranquillamente approdare in FB, con nome vero o con nome finto.
    Io, ad esempio non sono nessuno... un nome come un altro , tranne per chi mi conosce fisicamente, e mi vuole bene o male .
    FB non è un Orco

    RispondiElimina
  15. Per me la differenza tra un blog e fb (per le mie esigenze di comunicazione) consiste nell'intensità del messaggio: di nicchia e pieno con il blog. Più vago e più esteso, ma non supericiale, su fb. Ma è solo il mio parzialissimo punto di vista. Verificato in progress.

    RispondiElimina
  16. ma è così Gianni, FB non è diverso da un blog, Io, come altri non siamo persone pubbliche , FB è come avere una casella di posta aperta. Chi vuoi che mi riconosca? I miei studenti?
    E tu cosa vendi della tua Privacy che tu non voglia?
    Non stare su FB diventa "snobbismo, Alcuni si sono trasferiti su twitter! La stessa cosa ...

    RispondiElimina
  17. Fara, ti ho risposto mentre bivaccavo in attesa di amici per una veloce colazione, per cui a quanto detto posso solo aggingere che ognuno di noi fa quello che vuole e usa i sistemi che vuole, mi incuriosisce questa ricerca di amicizia per transazione, non sarò il tuo caso ovvio, cmq non sono nemmeno su twitter.
    Ps: visto che Fara ha sorvolato, Gianni, se sbarco su Fb,accetti la mia a/m/i/c/i/z/i/a? solo sulla fiducia???Buona giornata.

    RispondiElimina
  18. PS
    Mari,
    Fara, che sarei io, non sorvola su niente , se sbarchi su FB puoi fare quello che vuoi e chiedere le amicizie che vuoi. Non è necessario che diventi "mia" "amica" se tu non lo desideri e io non saprò mai chi sei tu anche se abbiamo un amico in comune

    RispondiElimina
  19. Mari, ero refrattario anch'io, soprattutto per questo uso disinvolto e fasullo di "amicizia". Superato il (pre)-giudizio, e compreso che di convenzione si tratta (gli amici che trovi su fb erano già amici, quelli nuovi magari vogliono scambiare con te 4 chiacchiere: poi magari ci scappa uno scambio interessante. E l'amiciia se non quella classica può divntare scambio professionale, artistico, politico, etc.), allora fb è un'altra opportunità-maremagnum di comunicazione: dal cazzeggio più mellifluo ai discorsi più sopraffini. Io mi infilo in una ideale perfetta via di mezzo, ma senza troppi limiti, se non quelli del proprio buon senso. Eviterei il cazzeggio a ogni piè sospinto per non sentirmi pateticamente giovane-giovanilistico e non mi avventurerei in discorsi da massimi sistemi in una pubblica troppo pubblica piazza. Ma vedremo, è tutto da vdre-verificare. Intanto faccio vedere quello che faccio, quello meno noto. Una dipendence del blog, ma con un numero maggiore di utenti.

    RispondiElimina
  20. dimenticavo una cosa: io in FB tranne il primo giorno, in cui ho chiamato gli amici, "fisici", quelli che conoscevo personalmente, ora aspetto che qualcuno la chieda la mia amicizia, magari perché gli piace quello che scrivo

    RispondiElimina
  21. @Quando non affili troppo le unghie mi piace quel che scrivi xciò appena mi convinco a sbarcare su Fb sarai tra i primissimi a cui chiederò un "invito"alla conoscenza..del resto potrai sempre rifiutare, non sarà la fine del mondo per nessuna delle due: quando mai ogni lasciata è persa?!
    @Gianni: giovane! guarda che non mi hai propriamente risposto...o il tuo è un silenzio-assenso aut diniego? ;)
    Dio mio, c'è un umido terrificante anche oggi..e stare davanti a un Pc x l'ennesima giornata non migliora la situazione...Ciao.

    RispondiElimina
  22. Ti aspetto Mari, non so chi sei e non mi interessa scoprirlo. Un nome come un altro come lo sono io per tanti altri "amici" Se vuoi discutere con me, unghie a parte, sono qui, a braccia aperte basta solo che non vieni ad offendere

    RispondiElimina
  23. Mari, scusa. Ma era implicito. Certo!!! Ci mancherebbe altro! Stiamo parlando dell'amicizia, giusto?

    RispondiElimina