giovedì 23 dicembre 2010

La città sgrammaticata - Pranzo di Natale a Palermo


Foto e testo di
Gigliola Siragusa

Ingredienti per 6 persone:
2 kg. di capretto
3 grosse cipolle
olio e. v. di oliva q.b.
alcune foglie di alloro
rosmarino
sale, pepe
1 bicchiere di vino bianco
1500 gr. di patate

Preparazione:
In un tegame capiente fate rosolare appena, in abbondante olio, la cipolla tagliata finemente. Mettete quindi il capretto, precedentemente tagliato a tocchetti lavato ed asciugato, gli odori e fatelo rosolare, coperchiate e portatelo quasi a cottura. In una padella rosolate le patate precedentemente sbucciate e tagliate a tocchetti. Unitele al capretto versate il vino ed ultimate la cottura aggiustando di sale e pepe.

11 commenti:

  1. Quando non saprò fermarmi e penserò che mangiando posso dimenticare o compensare il peso che non ho, allora mi ricorderò della tua foto, Gigliola.

    RispondiElimina
  2. Antonio Carollo24 dicembre 2010 15:02

    Festività natalizia è mangiare?
    Auguri non mangerecci.

    RispondiElimina
  3. Trovo stridente la foto,bella come sempre,ma che mi appare inquietante,triste,pesante con la ricetta così soave,allegra,leggera...

    RispondiElimina
  4. Badit, c'è poco di stridente. Per eseguire quella ricetta e portare il capretto o l'agnello in tavola bisogna passare da quella fase che ti appare inquietante e pesante.
    Non è male che proprio nel giorno di Natale ci ricordiamo di quante vite immoliamo per il nostro piacere

    RispondiElimina
  5. E poi, diciamola tutta, questo blog ha la pretesa neanche celata di rappresentare con leggerezza le contraddizioni anche pesanti e gli ossimori! Wow, l'ho detta!

    RispondiElimina
  6. Fara ho solo scritto 2 righe per commentare l'impressione ricevuta nel guardare e leggere foto e commento,nessun moralismo pseudo vegetariano o animalista o quant'altro...
    Sulla foto avrei avuto la stessa impressione il 15 Agosto

    RispondiElimina
  7. Badit, io non volevo fare alcun moralismo. Ho solo osservato che tra le due "immagini" non c'è stridore ma consequenzialità.
    Sorridi!

    RispondiElimina
  8. ...parlavo di un mio eventuale moralismo...

    RispondiElimina
  9. ho scritto la ricetta a seguito di questa foto (per me piuttosto impressionante) per accentuarne il contrasto. Io non mangio più capretto da anni. Buon Natale a tutti voi

    RispondiElimina
  10. Ma nessuno è disposto a raccontare il menu natalizio ultimo sorso? Scommetto, senza capretto.

    RispondiElimina