sabato 21 agosto 2010

Cronache d'amore

1 commento:

  1. Antonio Carollo21 agosto 2010 14:02

    Tra ansedonie e cene in foschi castelli non mi sembra proprio un'estate d'amore, direi piuttosto di scintlle e d'odio; ma il disegnatore non è un mistificatore, è un poeta visionario, che pur avendo diritto ai suoi sogni, non rinuncia a sottendere espressivamente, con la levità del segno, il sostrato semantico che l'ispira.

    RispondiElimina