giovedì 21 ottobre 2010

Un personaggio così (10)


Il personaggio così saluta e se ne va.

10 commenti:

  1. Alla ricerca di nuove avventure!

    RispondiElimina
  2. Te lo sei lavorato ben benino questo personaggio, Gianni. Ce ne sono di schizzi e disegni. Tutti bellissimi, tra l'altro. Ma non è mai diventato nulla di più, nella tua testa?

    RispondiElimina
  3. Ciao KLuigi.
    Molti progetti nella mia mente partono in quarta: non fanno i conti con chi però nel frattempo inserisce la retromarcia

    RispondiElimina
  4. Spero che questo supereroe vada bene anche in salita! Che trovi il modo per diventare un personaggio di carta stampata...

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con Yorik, JGianni :)

    RispondiElimina
  6. Ragazzi, io sarei prontissimo per far ripartire la corsa del personaggio "così": ma avrete intuito, facilmente, che non dipende da me. Ho imparato, alla mia veneranda età (dunque troppo tardi), che i progetti vanno realizzati in solitudine (se uno ha la forza-la voglia-l'abilità)...Nei prossimi giorni farò un elenco dettagliato e illustrato dei progetti ch esono finiti ingiustamente nel cassetto: al 98 per cento non per mia colpa. Ergo, meglio soli!

    RispondiElimina
  7. Questo è uno spunto davvero interessante. Perchè, al contrario, in questo periodo mi sono ritrovato a pensare che se non sei abituato da sempre a certe cose, riesce davvero difficile affrontare progetti di una certa portata da soli. Poi ovviamente dipende dal carattere e dalla fermezza. E' un gioco di polso davvero difficile. Non a caso gli autori completi di una volta, non sono poi tantissimi. Almeno quelli che sono passati alla storia. Oggi ce ne sono tantissimi e talentuosissimi, ma non trovo abbiano la stessa forza, ecco.

    Che discorso inutile che ho fatto :)

    RispondiElimina
  8. No, al contrario: lo trovo interessante.
    La delusione che trapela dalle mie parole deriva da una serie di aspettative disattese: troppe, ad essere sinceri. Non dico nomi e personaggi, è ancora presto. Ma elenco le "cose" che stavano per partire e che sono state stoppate o buttate a mare, certamente non per colpa mia (io sono un buon motore scattista e diesel. Me lo riconosco facilmente e chi mi conosce bene sa che dico il vero).Un cartoon: aveva (ed ha) tutti i numeri per essere un prodotto (badate, ho detto prodotto: un cartone animato sarà anche arte ma è il buon compromesso di tante sinergie, ergo "prodotto"). Fallisce l'ennesimo tentativo. Un graphic novel restato nel cassetto per circa tre aanni, riprende quota, ma solo per un mesesetto scarso: troppo velleitarie le intenzioni editoriali. Un personaggio "così" che studio dal luglio scorso e che un po' avete visto: niente, resta al palo per mtivi che al momento è meglio tacere...
    Che palle.

    RispondiElimina